Progetto Fuoco 2018: i numeri ne confermano l'importanza

Data: 5 marzo 2018 | Settore: Edilizia
Progetto Fuoco 2018: i numeri ne confermano l'importanza

Progetto Fuoco conferma la sua rilevanza con oltre 70.000 visitatori

L’undicesima edizione di Progetto Fuoco, fiera internazionale per gli impianti e le attrezzature che producono calore ed energia dalla combustione della legna, ha confermato l’importanza di questo appuntamento biennale tra gli operatori del settore.

La manifestazione, sotto i riflettori nei giorni scorsi, si è conclusa il 25 Febbraio con oltre 70.000 visitatori accorsi nel quartiere fieristico di Verona.

Interessanti sono i numeri in aumento di questa edizione 2018: gli espositori aderenti sono stati in totale 782, un 5% in più rispetto allo scorso appuntamento. Gli espositori provenienti dall’estero sono stati 322. La superficie espositiva ha raggiunto i 115mila metri quadrati e ha fatto da vetrina a 300 prodotti messi in funzione durante la fiera. Innumerevoli sono stati i convegni, le sessioni di aggiornamento, gli eventi che hanno arricchito il programma di intrattenimento e di informazione portato avanti durante i giorni di fiera. 

Tra gli obiettivi centrati di questa edizione di Progetto Fuoco c’era quello di rendere l’evento sempre più internazionale. Si sono infatti registrate ben 16.500 presenze di professionisti in arrivo dall’estero, per l’esattezza da 70 nazioni diverse.

Gli argomenti che hanno generato maggiore interesse sono rivolti alla sostenibilità ambientale, poiché sono state proposte nuove tecnologie e formule produttive di calore mirate a ridurre le emissioni e l’impatto sulla qualità dell’aria.

Il nuovo appuntamento di Progetto Fuoco è già stato fissato per il 2020, dal 19 al 23 Febbraio, sempre presso il quartiere di VeronaFiere.


Alberta Barbagli

VISUALIZZA LA SCHEDA DELL'EVENTO

Condividi su:

Altre news dal settore Edilizia: